Sei qui:

Iveco e SMET per una logistica a basso impatto ambientale

Iveco e SMET per una logistica a basso impatto ambientale - image 000116-000000111 on http://mezzipesanti.motori.net

La scelta di Iveco di puntare sulla tecnologia a gas naturale risulta rafforzata in sinergia con l’utilizzo della soluzione dei 18 metri di lunghezza per gli articolati. Tale mix rappresenta una scelta efficace che risponde alle necessità di una logistica a minor impatto ambientale.

La necessità di ridurre i consumi, le emissioni di CO2 ed il livello di congestione delle strade rende molto attuale il tema dell’incremento della produttività del trasporto. A ciò Iveco risponde con una soluzione efficace ed innovativa: la potenzialità della tecnologia a gas naturale unita ai vantaggi in termini di produttività derivanti dall’utilizzo di autoarticolati con lunghezza fino a 18 metri.

Con SMET, realtà logistica europea con lo sguardo costantemente rivolto al futuro, Iveco ha sperimentato l’integrazione di due differenti soluzioni a basso impatto ambientale e ad elevata redditività con uno Stralis 18 metri alimentato a gas naturale liquefatto LNG. Il risultato ottenuto è andato ben oltre le aspettative: la soluzione LNG/18 metri è decisamente più vantaggiosa sia in termini di Costi Totali di Esercizio (TCO) sia in termini di impatto ambientale rispetto alla soluzione tradizionale Diesel. La sperimentazione ha permesso di verificare sul campo in missioni reali la riduzione del costo medio per unità di merce trasportata, l’effettiva compatibilità degli autoarticolati da 18 metri con le infrastrutture stradali e la manovrabilità in fase di parcheggio, nonché la riduzione dei consumi di combustibile per unità di merce trasportata e di conseguenza delle emissioni di CO2.

Il Progetto DICIOTTO, autorizzato nel Luglio 2008 dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato lanciato da ANFIA (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica) al fine di sperimentare in Italia l’effetto, in termini di migliore efficienza del trasporto, che deriva dall’allungamento a 18 metri degli autoarticolati, dall’attuale valore standard di 16,50 metri. L’allungamento del semirimorchio di circa 1,5 metri rappresenta l’unica variante prevista rispetto ai veicoli standard, mentre tutte le altre caratteristiche di base restano invariate, dalle masse sugli assi alla manovrabilità prevista dalle norme vigenti. I risultati ottenuti dal progetto in Italia hanno portato a un incremento dell’efficienza del trasporto di quasi il 10%.

Leggi anche:

Lascia un Commento

INFORMATIVA SULLA NEWSLETTER DI MOTORI.NET

Stai visualizzando questo messaggio perchè il tuo indirizzo risulta presente nel nostro sistema.
Ho letto e acconsento l’informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 2 dell’informativa sulla privacy

Conferma



Se desideri rimuoverti dalla newsletter, puoi utilizzare questo link: clicca qui.