Sei qui:

L’armonia del gigante altoatesino realizzato da Scania

L’armonia del gigante altoatesino realizzato da Scania - image 000052-000000042 on http://mezzipesanti.motori.net

Consegnato uno Scania G490 CB 8×6 EHZ alla Huber&Feichter di S.Lorenzo. La storica realtà altoatesina ha riconosciuto nel marchio del Grifone un partner affidabile per proseguire nel proprio percorso di eccellenza.

Ai piedi delle sinuose piste di Plan de Corones, nel cuore della Val Pusteria (Bolzano), inizierà a lavorare uno Scania G490 CB 8×6 EHZ. “Un gigante”, come l’ha definito Giancarlo Huber, uno dei titolari della Huber &Feichter, una delle principali realtà della provincia di Bolzano, specializzata nelle costruzioni stradali e negli scavi per la canalizzazioni e per la posa di condutture per l’approvvigionamento idrico, nella costruzione di strade e nell’esecuzione di lavori infrastrutturali.

Una terra ricca di opportunità, quella altoatesina, nella quale il settore del cava cantiere gode di una costante fortuna. La scelta di Scania da parte di Huber&Feichter sottolinea la capacità del marchio del Grifone di esser riconosciuto come partner ideale per i professionisti del settore. Uno degli aspetti che ha influito positivamente nelle valutazione di Scania da parte dell’azienda altoatesina è stata la catena cinematica. Componentistiche tutte “made in Scania” rendono infatti fluide ed armoniche le relazioni tra singoli componenti. A spingere il veicolo è un 6 cilindri 13 litri Euro 6 da 490 CV con tecnologia EGR e SCR, compatibile fino al 100% biodiesel. Un motore ad iniezione diretta con sistema ad altissima pressione Scania XPI, 4 valvole per cilindro, turbocompressore a geometria variabile VGT ed intercooler. Un veicolo a 4 assi (tre dei quali motrici) in grado di sfruttare appieno la potenza massima di 360 kW raggiunta a 1.900 giri/minuto. La coppia, emblema della casa del Grifone, rimane anche in questo caso uno dei plus dei veicoli registrando 2.550 Nm da 1.000 a 1.300 giri/minuto.

A controllare quest’armonia di risultati ed elementi è il cambio automatizzato Scania Opticruise. La versione scelta in questo caso è quella a due pedali che beneficia di un comando elettroidraulico della frizione. I cambi di marcia risultano così sempre perfetti ottimizzando i consumi e riducendo le sollecitazioni della catena cinematica. La guida si fa così più rilassante. Le modalità di performance – standard, power e off-road -permettono al veicolo di adattarsi ad ogni condizione d’uso. Perfetta per il lavoro in cava è soprattutto la modalità off road che mantiene innestata la frizione il più a lungo possibile e costante l’erogazione di potenza. Forza trainante e frenante grazie alrallentatoreidraulico integrato nella catena cinematica: la potenza frenante aumenta riducendo l’usura dei freni. Questa versione è ottimizzata per le basse velocità e vanta una coppia frenante di 4.100 Nm.

Il telaio F958 è composto da longheroni da 9,5 mm,con anima da 8mm, mentre le sospensioni sia anteriori sia posteriori sono paraboliche le prime con quattro foglie da 28 mm, le seconde da 5 foglie da 48 mm.Importante inoltre la notevole altezza da terra del telaio visti i terreni sconnessi sui quali il veicolo svolgera il proprio lavoro quotidiano.

Una cura per i dettagli che ha saputo fare la differenza e che ha dettato le scelte anche nella configurazione delle cabina G Scania con frontale Off-road. Ospitale, spaziosa, robusta e dall’estesa prospettiva. Ideale per ambienti cantieristici. Ampi vetri laterali, stretti montanti e specchi regolabili  garantiscono il completo dominio e controllo dello spazio circostante al veicolo. Gli interni sono ben organizzati e distribuiti, ponendo i controlli a portata di mano e chiari nella loro distribuzione. La sicurezza in tal maniera aumenta e si velocizza la gestione degli imprevisti. Il dominio del veicolo è totale.

Leggi anche:

Lascia un Commento