Sei qui:

A Citytech-BUStech 2015 per il rilancio del trasporto pubblico locale

A Citytech-BUStech 2015 per il rilancio del trasporto pubblico locale - image 000106-000000098 on http://mezzipesanti.motori.net

A Citytech-BUStech 2015 per il rilancio del trasporto pubblico locale.

Qual è il modo per il rilanciare settore in un momento di scarsità di risorse da destinare al trasporto pubblico locale? Come s’inserisce la liberalizzazione dei servizi nel contesto regolatorio italiano? I dati raccolti in occasione dell’ultimo censimento del 2011, confermano che gli italiani che viaggiano quotidianamente per motivi di studio o lavoro sono circa 29 milioni, pari al 48,6% della popolazione, un numero in crescita di 2,1 milioni rispetto al 2001.

Le aziende di trasporto hanno il dovere di assistere e di pensare alla qualità del viaggio che, ogni giorno, un italiano su due – studente o lavoratore – affronta per raggiungere la scuola o il posto di lavoro. Non è solo una questione di risorse pubbliche da destinare al settore del TPL, occorre anche ristrutturare le reti, integrando meglio i servizi di gomma con quelli su ferro. Sono, per contro, necessari provvedimenti che assicurino una vera competizione tra operatori, affinché siano Enti locali e utenti finali a scegliere ed a beneficiare del miglior servizio. Studi ed esperienze internazionali, per esempio, dimostrano che le liberalizzazioni dei servizi ferroviari convenzionali, come il modello che è stato applicato e adottato dalla Germania, hanno portato a una graduale apertura del mercato, avvenuta per fasi e piccoli lotti, con importanti risultati quali: + 28% di produzione di treni/km; – 26% di contribuzione pubblica per i contratti di servizio; + 43% di passeggeri. Questo modello, salvo le dovute attenzioni alle nostre specificità di contesto, può essere replicato in Italia, che a causa della contrazione delle risorse destinate al Trasporto Pubblico Locale si trova a dover affrontare una forte razionalizzazione del settore.

Il rilancio del trasporto pubblico ed i modelli di liberalizzazione saranno oggetto di uno dei convegni di Citytech-BUStech, il contenitore d’idee sulla mobilità nuova che si svolgerà a Roma il 17-18 Settembre presso lo Spazio Factory alla Pelanda e presso la Città dell’Altra Economia. Modera: Roberto Sommariva, direttore di Autobus. Le aziende di trasporto pubblico locale sono inoltre le destinatarie di Best-Tech, il concorso a loro riservato per divulgare e premiare l’innovazione, le eccellenze tecnologiche e le azioni concrete che hanno contribuito a migliorare il servizio agli utenti.

Fanno parte del comitato promotore e patrocinatore di Citytech-Bustech: Roma Servizi per la Mobilità, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, l’Assessorato Trasporti, Mobilità e Rapporti con l’Assemblea Capitolina del Comune di Roma, ATAC e Ferrovie dello Stato Italiane. L’evento, che ha inoltre ottenuto il patrocinio tecnico di AIPARK e TTS Italia e fa parte delle iniziative previste per la Settimana Europea della Mobilità, integra incontri e workshop con relatori d’eccezione e un’area espositiva per le aziende, e si rivolge a Istituzioni, produttori di tecnologie, aziende di trasporto, operatori del settore e appassionati di sostenibilità. Tra gli altri temi trattati durante i convegni: App e startup che rivoluzionano la mobilità, pedonalità, ciclabilità, logistica, parcheggi, intermodalità, infomobilità, sharing mobility e mobilità elettrica. Scarica la Brochure di presentazione di Citytech-BUStech.

Leggi anche:

Lascia un Commento